BAMBINI CHE SFIDANO I GENITORI: COME COMPORTARSI?

Tutti i bambini sfidano, ad un certo momento, i loro genitori. È logico e naturale. Ciò che non è logico né naturale è che la sfida sia costante, che l’autorità degli adulti sia messa alla prova e che il bambino sia colui che comandi in casa.

L’atteggiamento provocatorio di un bambino non ha un’intenzione specifica. Molte volte, a causa dell’immaturità emotiva, non puoi fare diversamente.

Aspettare che i nostri figli migliorino il loro comportamento sfidante o di rabbia da soli è non comprendere che dovremmo aiutarli a sviluppare le capacità necessarie per relazionarsi con sè stessi e con gli altri. E prima inizieremo ad aiutarli, migliori saranno i risultati.

I bambini adottano comportamenti di sfida non perché vogliano o perché sono cattivi, lo fanno perché non conoscono un altro modo di gestire le proprie emozioni. La chiave non è voler controllarli, ma insegnare loro a controllare il loro comportamento.

Le regole sono necessarie in ogni casa che cerca una certa struttura. I bambini hanno bisogno della prevedibilità delle regole. Se sanno cosa ci si aspetta da loro, si sentiranno più sicuri, più contenuti e sapranno cosa è permesso e cosa no, e quindi saranno in grado di adattarsi meglio.

I COMPORTAMENTI DI SFIDA

Tuttavia, dobbiamo tenere presente che quando tutto è un “NO” clamoroso generiamo molta frustrazione nei bambini. Abusare del “NO” fa perdere nella parola la sua efficacia. Qui il potere di scelta è la chiave.

Se ci concentriamo sempre sul no, il bambino sentirà di non poter fare nulla. E se provassimo con il Sì?

Invece di dire…

  • Non colpire tuo fratello.
  • Non urlare!
  • Non posso portarti a teatro.
  • Non voglio che tu indossi quei pantaloni.
  • Non puoi mangiare un’altro cioccolatino.

Possiamo dire…

  • Se colpisci tua sorella, non vorrà più giocare con te.
  • Se mi parli con un tono di voce basso, posso capire meglio.
  • Che ne dici di rimanere a casa oggi e disegnare?
  • Cosa succede se scegliamo un altro paio di pantaloni insieme?
  • Ti piacerebbe mangiare una mela succosa o altra frutta?

I bambini che sfidano non hanno la maturità emotiva per affrontare la frustrazione e imparare dai propri errori. Dobbiamo insegnare loro.

Indipendentemente dal fatto che nostro figlio sia molto o poco reattivo, sfidante e si arrabbi facilmente, dovremmo insegnargli come gestire le sue esplosioni. Accettare ciò che accade e agire è più sano e più produttivo che continuare a incolpare qualcosa o qualcuno.

Dobbiamo imparare a rispondere e non reagire. Per aiutare i nostri figli a sviluppare abilità socio-emotive è necessario aver precedentemente lavorato su di noi. È molto difficile insegnare a un bambino a calmarsi se non riusciamo a gestire le nostre emozioni. Solo quando abbiamo imparato a stare sul nostro asse e ad essere in pace con noi stessi, possiamo generare la pace intorno a noi. Rapportarsi con un bambino sfidante, arrabbiato o frustrato richiede un approccio calmo, caloroso, obiettivo ed assertivo.

Contatta la dott.ssa Vanesa Rojas 339.250.9358

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.