L’IMPORTANZA DELL’ATTENZIONE POSITIVA NEI BAMBINI

Il bambino richiede l’attenzione dell’adulto, in modo continuo e costante. In molte occasioni e in assenza di tale attenzione, il bambino ricorre a comportamenti negativi per ottenerla. Per questa ragione, gli adulti dovrebbero optare per un’attenzione positiva e quindi allontanare il loro bambino dai comportamenti negativi.

ATTENZIONE POSITIVA

Cos’è l’attenzione positiva?

Attenzione positiva significa mostrare interesse per i risultati raggiunti dai figli e manifestare l’amore e l’affetto che hanno nei loro confronti. L’attenzione positiva è importante per l’immagine e lo sviluppo del bambino.

Fin dalla nascita, i bambini hanno bisogno di esperienze e relazioni che mostrino loro di essere preziosi e capaci. L’attenzione, le reazioni e le risposte positive dei genitori aiutano i bambini a farsi un’idea di quanto siano apprezzati.

L’attenzione positiva è quando rispondi a tuo figlio con calore e interesse, quando lo aiuti a sentirsi al sicuro e apprezzato, attraverso:

  • il contatto visivo,
  • l’uso di espressioni facciali affettuose (il sorriso),
  • il contatto fisico (abbraccio),
  • l’uso di parole incoraggianti,
  • l’interesse per i gusti, le attività e i risultati del bambino.

Con un’attenzione positiva, il bambino si sente amato e apprezzato in ogni momento e ciò aumenta la sua autostima. Tuttavia, ci sono molti genitori che raramente mostrano interesse per ciò che fanno i loro figli, quindi cercano altri modi, meno adeguati, per avere la loro attenzione. Per esempio, urlano e rimproverano il bambino dando origine a ciò che è nota come attenzione negativa. Gli esperti consigliano di evitare sempre l’attenzione negativa e optare per l’attenzione positiva quando si educa il bambino.

La chiave dell’attenzione positiva è ascoltare i bambini quando si comportano bene e non prestare attenzione quando il loro comportamento non è appropriato. Evitando così di rafforzare un comportamento negativo o in disaccordo ai valori che gli vengono insegnati. Un eccesso di attenzione negativa da parte dei genitori farà aumentare i conflitti familiari e farà diminuire seriamente l’autostima dei bambini.

In questo modo i bambini imparano che ciò che viene elogiato è un buon comportamento e solo in questo modo potranno ottenere cose. Non esitare a sederti accanto a tuo figlio e a parlargli in modo chiaro per fargli sapere che il modo per essere felici è avere un buon comportamento verso i genitori.

  • E tu educhi con attenzione positiva?

Contatta la dott.ssa Vanesa Rojas al 3392509358

ESSERE GENTILI CON NOI STESSI

Quante volte assumiamo un atteggiamento critico e ci etichettiamo definendoci: “Sono stupido”, “Non lo farò mai bene”, “Ho sbagliato di nuovo”, “Sono inutile”, e così via. Questi messaggi possono avere conseguenze negative per la nostra psiche, perché diminuiscono la fiducia in noi stessi e l’autostima.

L’insicurezza, l’ansia e la depressione sono molto comuni nella nostra società. In gran parte sono dovute ad auto-giudizi negativi, ai maltrattamenti mentali a cui ci sottoponiamo quando sentiamo di non essere come “dovremmo”. Giudicare e condannare noi stessi non ci aiuta ad essere una persona migliore.

Una buona soluzione è smettere di giudicarci come buoni o cattivi, accettarci come siamo e trattarci con la stessa gentilezza, affetto e compassione che abbiamo nei confronti delle persone a noi care.

Essere gentili con noi stessi significa: amarci, accettarci e trattarci bene in qualsiasi situazione, rispettare i nostri limiti e perdonare i nostri errori.

ESSERE GENTILI CON NOI STESSI

Quando impariamo ad essere gentili con noi stessi, i benefici sono molteplici, la nostra autostima aumenta, ci sentiamo più forti.

Alcuni suggerimenti che ci aiuteranno ad essere più gentili con noi stessi

  • Lavorare sulla consapevolezza: Cioè diventare consapevole dei nostri auto-messaggi negativi, cambiandoli da critici a messaggi gentili e di incoraggiamento.

Quando noti che sei duro con te stesso, fermati e metti in dubbio la validità di ciò che dici: “Perché ho questa convinzione negativa su me stesso?”, “C’è un modo più realistico, gentile ed equilibrato di giudicarmi?”.

  • Regalarsi una parola di incoraggiamento: La prossima volta che ti ritrovi a dire cose come: “Sono un idiota” o “Ho rovinato tutto”, prova invece a darti un messaggio di incoraggiamento come: “Ho fatto del mio meglio”, “Sono stato/a bravo/a”, “Nonostante tutto ce l’ho fatta”, “Sto crescendo e imparando ogni giorno di più”.
  • Fare almeno una cosa al giorno per te: Impegnati ogni giorno a fare qualcosa per te che ti porti gioia e benessere, come: sport, rilassamento, hobbies, ecc.
  • Comportati come ti comporteresti con una persona cara: Quando vivi situazioni o emozioni difficili, trattati come tratteresti una persona che ami. Chiediti cosa diresti a un buon amico che si trovi nella tua stessa situazione. Come ti comporteresti con lui? Certamente cercheresti di sostenerlo con empatia, amore e comprensione, senza giudizi o critiche.
  • Riconosci e accetta le tue emozioni come naturali e necessarie: Affronta le tue idee, le tue emozioni ed i tuoi comportamenti con apertura, curiosità e gentilezza. Ricorda che le nostre emozioni non sono né buone né cattive, sono adattive e temporanee. Ci stanno fornendo informazioni su ciò che è importante per noi, quindi accoglile e chiediti: Questa emozione cosa vuole dirmi? Cosa mi ha portato a comportarmi così? Quali punti di vista o idee mi hanno influenzato? Conoscevo tutte le informazioni o mi mancavano dei dati?
  • Riconosci che la sofferenza fa parte della vita: Nella misura in cui accettiamo che la sofferenza è parte della vita e che è condivisa dagli esseri umani, possiamo imparare da essa, trasformarla e risignificarla, invece di lasciare che ci condizioni e ci definisca.
  • Pratica la meditazione: Con la meditazione potrai essere più comprensivo con te stesso, vedere le cose con maggior prospettiva e serenità.

Riflettiamo: E TU TI TRATTI CON GENTILEZZA?

Contatta la dott.ssa Vanesa Rojas al 339.250-9358

PENSIERI E QUALITÀ DI VITA

Possiamo smettere di pensare? Possiamo scegliere i nostri pensieri? È possibile allenarci a pensare in un modo migliore?

Come esseri umani, siamo esseri razionali. Trascorriamo le giornate con la nostra mente in diversi scenari, idee o preoccupazioni. In effetti, è difficile ricordare un momento in cui non abbiamo pensato a nulla. Di fatto, si stima, che abbiamo una media di 60.000 pensieri al giorno e la maggior parte di essi sono negativi, ripetitivi, legati al passato e automatici, cioè appaiono nella nostra coscienza contro la nostra volontà. Infatti, più vogliamo allontanarci da un pensiero negativo e/o ripetitivo, più persiste.

I pensieri sono processi cognitivi che contengono un’incredibile capacità di influenzare le nostre vite, perché è principalmente da loro che dipende come ci sentiamo e come agiamo.

Pensieri e qualità di vita

Non possiamo fare a meno di pensare.

Anticipare gli scenari e pensare alle situazioni che stiamo vivendo è assolutamente normale. Il problema si verifica quando invece di osservare quei pensieri come qualcosa che è nella nostra mente e andrà via, iniziamo a combattere contro di loro o ad alimentarli fino a quando, come una valanga di neve, non possiamo più fermarli.

Anche se è impossibile interrompere i pensieri, una persona può controllarli, calmarli e rallentarli, smettendo di pensare a un particolare argomento su base ricorrente.

Gestire correttamente i propri pensieri e rafforzare una prospettiva positiva sono la chiave per raggiungere uno stato di benessere e una buona qualità di vita. Possiamo sostituire alcuni pensieri con altri o concentrarci su percezioni o visualizzazioni piacevoli.

Possiamo anche allenarci a cambiare il focus dell’attenzione e portarlo dove vogliamo; dobbiamo cioè imparare a impedire che siano i nostri pensieri a dirigerci.

Nel momento in cui siamo consapevoli dei nostri pensieri e diamo loro un nome, quell’emozione diventa più identificabile e questo ci aiuta a relazionarci in modo diverso con i nostri pensieri e con le nostre emozioni.

Pertanto, quando si presentano pensieri negativi, persistenti e automatici dovremo porci le seguenti domande:

  • Come si chiama questo pensiero?
  • Come mi fa sentire?
  • Dove ti senti: presente, passato o futuro?
  • Cosa posso aspettarmi da questo pensiero o emozione?
  • In quali situazioni è più probabile che appaia?

Ecco perché ti invito a osservare ogni giorno quali pensieri ed emozioni predominano in te, dar loro un nome e farti tutte le domande sopra elencate.

Contatta la dott.ssa Vanesa Rojas al 339-250.9358

Favorire esperienze di Flow

Quante volte sei stato così immerso in un’attività o in un compito che quando guardi l’orologio le ore sono passate e non te ne sei nemmeno accorto? Ti è mai capitato di lavorare, studiare o fare sport e perdere la nozione del tempo? Se la risposta è sì probabilmente eri in stato di flow, detta anche esperienza ottimale.

Ma cos’è questo stato?

La esperienza di Flow (flusso) o Esperienza Ottimale, sviluppata dal dottor Mihaly Csikszentmihalyi, psicologo ungherese emigrato negli USA, rappresenta uno stato di coscienza, cioè uno stato emotivo positivo in cui la persona è completamente immersa in un’attività di piacere e godimento, durante la quale il tempo vola e le azioni e i pensieri e i movimenti si susseguono senza fermarsi. Questo stato emotivo rappresenta un aspetto fondamentale per la nostra felicità.

Normalmente è associato a quei compiti che ci vengono presentati come una sfida, che richiedono la nostra concentrazione, dedizione e competenze specifiche. Alcune attività che possono favorire lo stato di flow possono essere: le attività creative, ludiche, lo sport, il lavoro, lo studio, ecc.

Mentre facciamo queste attività, entriamo in un flusso nel quale siamo soddisfatti di quello che stiamo eseguendo e si crea un equilibrio emotivo, cognitivo e motivazionale.

FAVORIRE ESPERIENZE DI FLOW

Csikszentmihalyi descrive una serie di elementi che si verificano durante l’esperienza del flusso:

  • C’è un equilibrio tra la sfida dei compiti e le tue capacità.
  • Gli obiettivi e le mete sono chiari: la persona sa come procedere in ogni momento, portandola ad uno stato di pieno controllo.
  • L’attenzione è totalmente focalizzata sul compito e non su altre attività o preoccupazioni.
  • Attività, attenzione e consapevolezza si fondono.
  • C’è una diminuzione della consapevolezza di sé.
  • Riceviamo un feedback immediato.
  • Si verifica un’alterazione del senso del tempo.

In altre parole, siamo di fronte a un’attività la cui difficoltà di esecuzione è quasi pari alla nostra capacità, pur svolgendola senza grandi sforzi. Quando questi due fattori principali si uniscono, ci divertiamo così tanto che non prestiamo attenzione a ciò che ci circonda. Questa attività diventa così piacevole che tendiamo a ripeterla nella speranza di rivivere il flusso.

Quindi con quale tipo di attività potremmo entrare in flusso?

Con tutti quelle in cui la sfida è simile alle nostre capacità di eseguirla. Quando sono allo stesso livello, la nostra concentrazione e il piacere aumenteranno fino a raggiungere l’esperienza del flusso.

Come favorire esperienze di flow?

  • Trova un’attività che ti interessa e di una difficoltà abbordabile per le tue capacità. Ricorda, non può essere troppo facile (per non annoiarti), né troppo difficile (per non disperare).
  • Stabilisci alcuni obiettivi o passaggi da seguire per la sua realizzazione. In questo modo, non saprai sempre cosa devi fare.
  • Svolgi l’attività in un luogo tranquillo dove puoi allontanarti da tutte quelle distrazioni che ti impedirebbero di raggiungere lo stato di Flusso.
  • Cerca di rimanere concentrato sull’attività.
  • Goditi il processo senza preoccuparti del risultato.
  • Lasciati andare durante l’attività.

E tu, nella vita quotidiana, favorisci esperienze di flow?

Contatta la dott.ssa Vanesa Rojas al 339-250.9358

EDUCARE CON COMPLIMENTI, INCORAGGIAMENTO E PAROLE GENTILI

I bambini reagiscono bene alle parole positive. Quando rivolgiamo ad un bambino un complimento, un incoraggiamento o parole gentili, lo aiutiamo a sentirsi orgoglioso di sé e del suo mondo, favoriamo la sua autostima e lo stimoliamo a prediligere quei comportamenti che hanno ricevuto un riscontro positivo. 

Essere gentili significa essere amabili, amorevoli, premurosi, cortesi, piacevoli, disponibili, simpatici, persino divertenti e sorridenti. Tutte qualità che devono formarsi nei bambini fin dalla più tenera età. Essere gentili è anche essere attenti, prestare attenzione e rispetto.

I bambini assimilano le norme del comportamento sociale mentre gli adulti insegnano loro a comportarsi secondo quelle norme.

A volte noi genitori prendiamo il nostro compito troppo sul serio e ci sforziamo di diventare una specie di istruttore a tempo pieno. Dovremmo tuttavia comprendere che a volte una parola gentile da parte nostra può insegnare più di quanto faccia un rimprovero.

Durante la crescita e lo sviluppo, i bambini attraversano molte fasi nelle quali mettono in dubbio la loro persona. Si confrontano con gli altri o si misurano con le nostre aspettative e spesso ne escono abbattuti. Come genitori possiamo controbilanciare questa naturale tendenza dei nostri figli, offrendo loro un sostengo e un incoraggiamento continuo che li aiuteranno a sviluppare la capacità di pensare positivamente. 

ESSERE GENTILI CON I NOSTRI FIGLI

Dalle interazioni con i genitori, i figli ricavano molte informazioni per comprendere chi sono e noi vogliamo aiutarli a formare un’immagine di sé stessi, quali persone responsabili e capaci, in grado di saper scegliere e comportarsi in maniera adeguata.

I bambini apprendono chi sono grazie alle attenzioni che ricevono dai genitori e dalle altre figure di riferimento, in un processo definito “rispecchiamento”. L’attenzione che i genitori e altri adulti di riferimento riservano a un figlio durante lo sviluppo è essenziale per il suo sviluppo equilibrato. È attraverso questa attenzione che il bambino impara a percepirsi come un individuo completo, a sentire il proprio centro, il proprio sé, il punto da cui emergono le interazioni con il mondo esterno.

BIBLIOGRAFIA: Pantley E. (2018) . Manuale anti capricci.  Edizioni Erickson.

E TU EDUCHI CON GENITILEZZA?

CONTATTA LA DOTT.SSA VANESA ROJAS AL 339-250.9358

GLI AMICI IMMAGINARI DEI BAMBINI

Avere un amico immaginario, a volte chiamato compagno immaginario, è considerato una parte normale e persino salutare del gioco infantile.

Molte ricerche affermano che ben il 65% dei bambini fino a 7 anni ha un amico immaginario che è un elemento naturale dell’infanzia.

Quindi, è comune che i bambini creino amici o compagni immaginari, qualcuno con cui parlare, interagire e giocare. Questi amici finti possono assumere la forma di qualsiasi cosa: un amico invisibile, un animale, qualcosa di fantastico, un giocattolo o un peluche.

Normalmente i bambini sono consci che i loro amici immaginari sono finti, cioè che non esistono.

Avere un amico immaginario è una forma sana di gioco infantile. Gli studi hanno persino dimostrato che potrebbero esserci dei benefici per lo sviluppo in quei bambini che creano compagni immaginari, quali:

  • superiore cognizione sociale,
  • più socievolezza,
  • creatività potenziata,
  • maggiore comprensione emotiva,
  • risoluzione dei problemi e gestione delle emozioni.

Sebbene talvolta alcuni genitori possano essere preoccupati, è del tutto normale che un bambino abbia un amico immaginario.

Come dovrebbe reagire un genitore?

Se tuo figlio ti parla del suo amico immaginario, fagli delle domande. È un’ottima occasione per saperne di più su tuo figlio, sui suoi interessi e su come l’amico immaginario interagisce con lui.

Ogni bambino uscirà da questa fase della sua vita a suo tempo, normalmente ciò avviene prima dei 7 anni. Ma non c’è bisogno di preoccuparsi se un bambino più grande parla ancora del suo amico immaginario.

Se però hai dei dubbi a causa del comportamento di tuo figlio e del fatto che abbia amico immaginario dopo i 7 anni, puoi contattare un professionista.

ALCUNE DOMANDE DA FARE:

Tuo figlio ha un amico immaginario?

Chi è e come si chiama?

Cosa ti racconta di questo amico?

CONTATTA LA DOTT.SSA VANESA ROJAS AL 339-250.9358

DISTORSIONI COGNITIVE: ERRORI DEL PENSIERO

Cosa sono le distorsioni cognitive e come ci influenzano? Le distorsioni cognitive sono interpretazioni errate della realtà che portano l’individuo a percepire il mondo in modo non oggettivo e disfunzionale. Appaiono sotto forma di pensieri automatici e innescano emozioni negative che portano a comportamenti indesiderati o disadattivi. Alcune persone sono più inclini alle distorsioni cognitive rispetto ad altre.

Ogni persona interpreta il mondo attraverso una prospettiva diversa, tuttavia, abbiamo credenze comuni e siamo in grado tendenzialmente di avvertire quando qualcuno sta sviluppando comportamenti disadattivi o ha una percezione errata della realtà.

Una delle cause delle distorsioni cognitive è che si può imparare a interpretare male la realtà. Fin dall’infanzia costruiamo schemi che ci aiutano a capire come funziona il mondo. Per esempio, se iniziamo a dare per certo che ogni volta che qualcuno ride è perché ci prende in giro, probabilmente questa convinzione resterà per sempre con noi.

Le caratteristiche delle distorsioni cognitive sono spesso espresse in termini di imperativi categorici: “devo…” e sono vissuti come spontanei perché compaiono improvvisamente nella mente senza alcun innesco apparente. Sono messaggi brevi, specifici e discreti e sono spesso presentati sotto forma di un’immagine visiva. Tendono ad essere drammatici e catastrofici e sono difficili da ignorare.

Ecco alcuni errori di distorsioni cognitive

Sovra Generalizzazione: A seguito di un caso isolato generalizzare una conclusione valida per tutto. Per esempio: “Mario non mi ha scritto, la gente si dimentica sempre di me.”

Astrazione Selettiva: Concentrarsi in modalità “visione a tunnel” solo su alcuni aspetti, solitamente negativi e inquietanti, di una circostanza o di una persona, escludendo il resto delle altre caratteristiche e ignorando gli aspetti positivi. Per esempio: “Ho messo troppo sale nella pasta, sono un cuoco orribile.”

Inferenza Arbitraria: Trarre conclusioni in mancanza di prove sufficienti. Per esempio: “Ho visto Mario per strada e non mi ha guardato. Secondo me non voleva salutarmi” Invece, probabilmente Mario non ti aveva visto perché era soprappensiero.

Fallacia della Ricompensa Divina: Pensare che i problemi si risolveranno da soli senza assumere un atteggiamento propositivo. Per esempio: “Il mio capo mi sta sfruttando e maltrattando, ma io sono tranquillo perché il tempo metterà tutto a posto”.

Lettura del pensiero: Presumere le intenzioni o le cognizioni degli altri. Per esempio: “Vado chiedere a Mario se mi presta un cacciavite, però so già che mi risponderà di no”.

L’errore dell’Indovino: Credere di sapere come sarà il futuro e agire di conseguenza. Per esempio: “Non andrò a quel colloquio di lavoro perché so che non mi assumeranno”.

Personalizzazione: Supponiamo che tutto ciò che le persone fanno o dicono abbia a che fare direttamente con noi stessi. Esempio: “Gianna ha una brutta espressione, deve essere arrabbiata con me.”

Cosa possiamo fare?  Alcuni Esercizi:

  • Imparare a identificare le distorsioni cognitive, cioè a riflettere sui propri pensieri e registrarli per esserne più consapevoli. Un diario può essere un buono strumento per esplorare queste deviazioni dal processo di ragionamento.
  • Farsi delle domande. Anche se non siamo abituati, è possibile acquisire l’abitudine di mettere in discussione le nostre opinioni per rilevare possibili distorsioni cognitive.
  • Cercare di considerare il punto di vista degli altri: ascoltare e valutare quanto gli altri ci dicono ci renderà meno propensi a commettere errori.
  • Sviluppare un pensiero critico: pensare in modo più analitico, vedere le situazioni in modo olistico senza essere fuorviato dai dati più semplici e ovvi. Cercare i pro ed i contro prima di prendere una decisione o affrontare una sfida.

CONTATTA LA DOTT.SSA VANESA ROJAS AL 339-2509358

LE ABILITÀ SOCIALI NEI BAMBINI

Poniamoci una semplice domanda: “Come imparano davvero i nostri piccoli?”.

Secondo molti studi sulla psicologia sociale ed in particolare quelli di Albert Bandura, i bambini sviluppano la maggior parte del loro apprendimento attraverso l’osservazione, l’imitazione e l’interazione continua.

Le abilità sociali sono un insieme di comportamenti che ci consentono di stabilire relazioni appropriate con gli altri e risolvere i conflitti. Queste abilità iniziano a svilupparsi fin dalla prima infanzia, grazie alle relazioni che i bambini instaurano con le persone che si prendono cura di loro e continueranno durante lo sviluppo in base alle esperienze che hanno con i loro coetanei.

I bambini sono carichi di emozioni, sentimenti, idee e percezioni soggettive che influenzeranno i loro comportamenti nelle interazioni con gli altri. 

Molte sono le capacità che compongono le abilità sociali nei bambini, tra queste troviamo:

  • Risoluzione dei conflitti;
  • Autocontrollo emotivo;
  • Assertività;
  • Comunicazione;
  • Cooperazione;
  • Empatia.

Fin dalla nascita la famiglia (genitori, fratelli, nonni, zii, cugini, ecc.) sarà il contesto di riferimento, dove i bambini impareranno a sviluppare le loro capacità sociali.

L’importanza delle abilità sociali risiede nell’adattamento del bambino ai diversi ambienti in cui opera: scuola, famiglia, gruppo di coetanei, ecc. Tutte queste capacità sono importanti, tuttavia, due di esse sono particolarmente rilevanti: l’empatia e l’assertività.

L‘empatia è la capacità di porsi nel punto di vista di un’altra persona e agire secondo i sentimenti dell’altro. Richiede un’adeguata comprensione emotiva ed è la chiave del successo nelle prestazioni sociali.

L’assertività è la capacità di difendere i propri diritti e interessi senza danneggiare quelli degli altri. Empatia e assertività vanno di pari passo e trovare l’equilibrio tra entrambe è essenziale per risolvere con successo i conflitti sociali che sorgono nel corso della vita.

Il modo in cui i bambini si relazionano con i loro coetanei nei primi anni di vita è fondamentale per il loro sviluppo e adattamento. Per questo motivo è molto importante che i bambini riescano a sviluppare abilità sociali, necessarie per condurre una vita armoniosa e appagante con gli altri.

Fin dalla nascita le persone cercano di relazionarsi e creare legami affettivi, che saranno la base per acquisire tutte quelle abilità che li definiranno adulti. L’influenza di altre persone e le esperienze vissute in diverse situazioni sociali, li aiuteranno a sviluppare quei legami. Questo è noto come processo interattivo.

I bambini iniziano a sentire il bisogno di relazionarsi con gli altri a partire dai tre anni; però fino ai sei anni, queste relazioni non sono ancora forti e non sono in grado di generare legami stretti o permanenti.

Quando i bambini raggiungono l’età di nove anni, queste relazioni si rafforzano permettendo loro di formare gruppi più stabili e di rafforzare i legami emotivi. La scuola è un luogo vitale per il corretto sviluppo evolutivo dei bambini, sia cognitivamente che socialmente.

Il passaggio attraverso la scuola segna il carattere e la formazione della personalità di ogni bambino. Ci sono molti casi in cui il bambino non vive in un ambiente stabile e strutturato. In questi casi, la scuola diventa uno strumento indispensabile per costruire una personalità adeguata al raggiungimento della vita adulta.

CONTATTA LA DOTT.SSA VANESA ROJAS AL 339-250.9358

VALIDARE LE EMOZIONI DEI NOSTRI FIGLI

Validare le emozioni dei nostri figli è molto importante per loro, ma:

Cosa significa esattamente? Come lo facciamo? Cosa dobbiamo fare affinché i bambini lo sentano?

Quando qualcuno ci mostra la sua tristezza, il suo dolore o la sua angoscia, ci precipitiamo a dirgli che non succede nulla, che non è così grave, che non importa.

A maggior ragione, quando si tratta dei nostri figli, vogliamo eliminare quella sofferenza il più presto possibile, per proteggerli dal dolore, perché li amiamo e anche perché il loro dolore è anche il nostro. Soffriamo nel vederli soffrire.

Le emozioni sono involontarie e tutti proviamo emozioni. Inoltre, nessuno decide cosa vuole sentire, ma, a seconda della situazione che si vive, il nostro cervello “attiva” l’emozione associata a quel momento.

Quando diventiamo genitori, spesso ci troviamo a ripetere schemi dell’educazione che abbiamo ricevuto quando eravamo bambini; dopotutto, è tutto ciò che sappiamo. Tuttavia, se vogliamo stabilire un legame più sano e più forte con i nostri figli, il viaggio inizia proprio con le loro emozioni.

Perché è importante validare un’emozione?

Validare è accettare le emozioni dei nostri figli, anche se non siamo d’accordo o se le esprimono in modo inappropriato.

Validare un’emozione è riconoscerla come legittima, non cercare di negarla o reprimerla e rispettare il suo processo naturale.

Uno degli aspetti più importanti per validare le emozioni è che i nostri figli si sentano compresi. Però, se non proviamo, viviamo e sperimentiamo le nostre emozioni, sarà molto difficile per noi riconoscerle. Se non le conosciamo, è praticamente impossibile imparare a gestirle.

VALIDARE LE EMOZIONI

Quando i bambini stanno imparando a gestire le loro emozioni è importante che non ricevano rifiuti, che non vengano ignorati, che non si sentano dire “i bambini grandi non piangono” e che non vedano facce di disapprovazione. Le emozioni li accompagneranno per tutta la vita e saperle gestire è fondamentale.

Come validare le emozioni dei nostri figli. Alcuni suggerimenti:

  • Quando il bambino non riesce a identificare con precisione qual è l’emozione che lo travolge in quel momento, dare un nome a ciò che prova lo aiuta;
  • Spiegare al bambino che ciò che sta provando è una reazione normale e che ha il diritto di provarla;
  • Proponigli gli strumenti per gestire le emozioni, insegnandogli a diminuire la loro intensità cambiando i pensieri o cercando un’alternativa;
  • Non arrabbiarsi, ma dare un posto ai suoi sentimenti;
  • Il contatto visivo e fisico sono essenziali perché senta che siamo con lui, che lo capiamo e che capiamo cosa sta passando;
  • Esprimi a tuo figlio che comprendi cosa gli sta passando, per esempio raccontando una tua situazione in cui ti sei sentito allo stesso modo. L’importante è che il bambino impari che le emozioni fanno parte della vita, che tutti le proviamo e che non sono negative.

In questo modo il bambino si sentirà amato e rispettato; imparerà a identificare i suoi stati emotivi e ad affrontarli in modo sano e, soprattutto, stringerà con noi un legame di fiducia ed affetto.

Spesso, a causa del dolore che proviamo nel vederli soffrire, cerchiamo di distrarli con qualcos’altro in modo che, ad esempio, smettano di piangere, ma questo è controproducente. Le emozioni sono involontarie e il bambino ha bisogno di esprimerle ed affrontarle. Se blocchiamo i loro bisogni di espressione, ciò che impareranno è bloccare le emozioni, non a gestirle.

E tu, validi le emozioni di tuo figlio?

CONTATTA LA DOTT.SSA VANESA ROJAS AL 339.250.9358

L’IMPORTANZA DEL CONTATTO FISICO TRA GENITORI E FIGLI

Un abbraccio, una carezza o tenersi per mano possono alleviare la tristezza o aiutare a ridurre gli effetti dello stress. Pertanto, i genitori devono essere consapevoli dell’importanza del contatto fisico nell’educazione dei figli, soprattutto quando sono più giovani, poiché l’interazione fisica ha una grande influenza sulla salute, sullo sviluppo fisico, emotivo, mentale e cognitivo dei bambini.

Il contatto fisico tra genitori e figli innesca una serie di meccanismi fisiologici che contribuiscono a migliorare l’umore e la salute in generale. Un abbraccio in un momento di stress aiuta a ridurre la produzione di cortisolo che è la causa dello stress.

Oppure una carezza sulla tempia di un bambino può aiutarlo ad addormentarsi, poiché, con il contatto fisico, aumentano i livelli di serotonina, una sostanza legata alla regolazione dell’umore e del sonno.

Per questo l’importanza del contatto fisico nell’educazione dei bambini è giustificata dagli innumerevoli benefici che comporta sotto molti aspetti. Quindi, se i bambini crescono in una famiglia in cui si dimostra affetto anche attraverso l’interazione fisica, avranno importanti benefici come:

  • Migliori relazioni sociali e comunicative;
  • Riduzione e miglior gestione degli stati di ansia o di stress;
  • Riduzione della percezione del dolore;
  • Miglioramento dell’umore generale;
  • Aumento dell’autostima e della motivazione;
  • Incremento dei processi di apprendimento.

La vicinanza dei genitori e l’intimità fisica con i loro figli, fin dalla più tenera età, consentono di sviluppare un rapporto più profondo con loro anche quando saranno adolescenti o adulti.

Il contatto fisico con i figli è una forma di comunicazione non verbale, attraverso la quale i genitori possono dialogare, negoziare ed educare i propri figli.

Contatta la dott.ssa Vanesa Rojas al 339-250.9358